IL CORPO NON MENTE

Il corpo dell’operatore nel lavoro di cura, ma prima ancora il corpo di un uomo o di una donna in relazione con il corpo di un’altra persona. Un percorso, un movimento, un continuo incrociarsi di sensazioni, emozioni ed interessanti esperienze dal “corpo della persona” al “corpo dell’operatore”, un “corpo a corpo” all’interno di uno spazio che si apre partendo proprio dai corpi dei partecipanti. Un’immagine, un’emozione, ma anche un odore o un sapore sono in grado di farci muovere passi sicuri o incerti nella ricerca del contatto con l’altro, sia esso un collega, una persona “seguita” o più semplicemente una persona.

Il percorso proposto, grazie all’apporto di più voci, sensibilità e competenze, rappresenta un buon esempio di come l’operatore possa prendere consapevolezza delle potenzialità personali per poi tradurle nella professionalità della relazione di cura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...