Sono buona scuola?

Immagine

7ee4f3b8-a41a-4aab-bc51-a5965977b5e0

Annunci

Il Corpo Sospeso

DSC_5560

Un lavoro di relazione tra un corpo capace di sentire ed un filo capace di restituire…

Un passaggio “curioso” nell’arte del funambolismo per arrivare a percepire il proprio corpo.

Una ricerca personale del proprio equilibrio, la scoperta di più equilibri, la presa di coscienza dei propri disequilibri.

La percezione del limite, del non voler/poter andare oltre, l’alchimia fatta di desiderio/brivido/paura dell’osare.

Un’esperienza di equilibrio e di perdita di equilibrio, di contatto e di interruzione di contatto.

Il Laboratorio “Il Corpo sospeso” è rivolto ad un gruppo di 12 persone adulte.

Banchette di Ivrea (TO) c/o “Il Mondo di Camelot”

Domenica 23 Ottobre 2016 dalle ore 10 alle ore 18

Per info e costi 349 89 29 384  oppure scrivi a andreacallea@tiscali.it

La natura della creatività

20160425_173539

Una giornata di sperimentazione gioiosa e giocosa di contatto con sé e l’ambiente, tra acqua, terra e cielo immersi nella natura del Parco Oglio Nord per prendersi un tempo di cura, depositare le stanchezze, andare alla scoperta della creatività e della pulsione che ci abita, per rigenerarsi e ampliare le possibilità di essere.

Esploreremo l’ambiente con camminate meditative, ascolto dei suoni della natura, rilassamento, movimento espressivo-liberatorio, giochi creativi, che non richiedono nessun sapere ma solo la voglia di riscoprirsi con leggerezza.

Domenica 2 Ottobre 2016 dalle ore 10 alle ore 17

Parco Oglio Nord – Molino di Basso – Torre Pallavicina (BG)

Conducono il seminario:
Andrea CALLEA – Professional Counselor
Marialuisa CARENZI – Psicologa e Psicoterapeuta della Gestalt
Sabrina FERRARI – Professional Advanced Counselor

Info e costi telefona al 3334644367 oppure scrivi a sabrinarossana.ferrari@gmail.com

…al mio cliente immaginario.

image

Arrivi quasi sempre puntuale, entri preoccupandoti di portarti quanto prima sulla comoda poltroncina e poter così iniziare un flusso quasi continuo di parole interrotto solo da brevi e fugaci apparizioni da parte di velate emozioni: una piccola lacrima che ti affretti a nascondere, un sospiro o un leggero colpo di tosse. Fatico ad inserirmi e spesso devo ricorrere ad un tono deciso, quasi prepotente per dirti semplicemente: “Fermati, ci sono anche io!” solo allora realizzi che quell’ombra che ti ha aperto la porta e fatto accomodare è un essere umano arrivato in quello spazio prima di te per te, disponibile ad accogliere la tua persona ancor prima della tua storia, della storia che ha preso forma nella settimana che ci separa dall’incontro precedente, nei giorni o nei minuti che precedono questo incontro, una storia sulla quale permetterti di scoprirti un po’ e poterla così radicare qui, adesso in questo spazio dove ci siamo io e te. La tua storia alimenta la mia curiosità che vorrebbe altre parole alle già tante, fini dettagli, sfumature, citazioni che probabilmente ci porterebbero a realizzare un freddo e distaccato incontro intellettuale, due cervelli che si parlano, devo lottare per confinarla e fare spazio a ciò che di te oggi proprio non vuoi portare e allora carico il secondo colpo e ti ripeto: “Fermati! Chiudi gli occhi e permetti a tutto te stesso di arrivare ”. Il silenzio ha il potere di agitarti ed il movimento ha un effetto centrifuga dentro di te, qualcosa spinge per uscire e non è una parola, una frase, un concetto… nei tuoi occhi lo scorrere veloce dei mille vocaboli utili e urgenti per trovare quanto prima una definizione a ciò che ti sta accadendo, è proprio in quell’attimo di smarrimento che ti permetti di esserci pienamente e di poter muovere passi forse incerti, ma consapevoli.

Di lì a poco il nostro incontro di oggi finirà.

Ci vediamo, se vuoi, la settimana prossima.

SONO BUONA SCUOLA?

scuola2Formazione rivolta agli insegnanti di ogni ordine e grado.

Chi sono e come mi muovo all’interno di un “territorio” complesso che stimola, stanca, gratifica o mette a dura prova la testa, ma anche il corpo e le emozioni?

E’ partendo dall’emozione che dà o toglie colore al mio lavoro di insegnante che saprò rispondere alla domanda “sono buona scuola?” e quindi maturare una maggiore consapevolezza della qualità della mia relazione con l’ambiente scuola.

Se sei interessata/o clicca su Sono Buona Scuola? e contattaci.